Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Navigando nel mare degli Italo Globali

Nell’immagine: Giovanni Soldini, velista italiano.

Da molti anni, Giovanni Soldini, classe 1966, è un Italo Globale. Questo velista italiano, infatti, solca i mari di tutto il mondo fin dagli Ottanta, compiendo imprese memorabili.

L’ultima è recentissima: Soldini e i membri del suo equipaggio (Guido Broggi, Sébastien Audigane, Oliver Herrera Perez e Alex Pella) hanno navigato da Hong Kong a Londra (13 mila miglia marine) in un tempo record: 36 giorni, 2 ore, 38 minuti e 2 secondi, arrivando nella capitale britannica il 23 febbraio 2018. Il tempo avrebbe potuto anche essere minore, se durante la regata non si fosse rotto il timone di destra, rallentando il viaggio e costringendo l’equipaggio a riparare l’imbarcazione.

E cosa c’è attualmente nel mare degli Italo Globali?

La Fondazione Italia USA promuove ogni anno il Premio America. Obiettivo del premio è riconoscere persone ed iniziative tese a favorire i rapporti tra Italia e Stati Uniti d’America. Vengono premiate persone che si siano distinte per il loro operato (soprattutto in campo economico, politico, culturale, scientifico o sociale) ed abbiano raggiunto importanti risultati a favore dell’amicizia tra i due Paesi.

Tra i premiati delle scorse edizioni: Andrea Bocelli, Paul Bremer, Carla Fendi, Oscar Farinetti, Alberto Angela, Mario Andretti, Enrico Vanzina, Anders Fogh Rasmussen, Gianni Riotta, Edward Luttwak, Alan Friedman, Luisa Todini, Mario Moretti Polegato, Uto Ughi, Laura Biagiotti, Alessandro Benetton, Margherita Missoni, Giovanni Allevi, Christian De Sica, Ennio Morricone, Beatrice Trussardi, Umberto Veronesi, Renzo Arbore, Renato Balestra, Maria Grazia Cucinotta, Alain Elkann, Paolo Limiti.

È possibile sottoporre candidature di persone e/o iniziative per il Premio America, inviando una e-mail, contenente una breve motivazione sulla persona proposta, entro il 30 giugno 2018 a: info@italiausa.org.

La prossima edizione del Premio si terrà, come di consueto a Roma, alla Camera dei Deputati, l’11 ottobre 2018. Il premio consiste in una opera d’arte creata dall’orafo Gerardo Sacco.

L’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia ha partecipato ufficialmente all’atto costitutivo della Fondazione Italia USA.

Tra le persone che lavorano per costruire ponti tra Italia e Stati Uniti, c’è anche Umberto Mucci, fondatore e CEO di We The Italians: network (con sede a Roma) di collegamento fra gli italiani in Italia e gli italofili negli USA. Mucci ha appena pubblicato The 2017 Yearbook of We the Italians: una pubblicazione che contiene 26 interviste a 26 professionisti che amano sia l’Italia sia gli Stati Uniti. Storia, geografia, musica, cinema, scienza, arte, emigrazione, moda, sport, politica, letteratura, istruzione, eredità culturale, onore, religione, famiglia e Cristoforo Colombo sono i temi trattati in questa pubblicazione. Tra le persone intervistate: 18 uomini e 8 donne, con 21 interviste singole, una doppia e una tripla. Fra gli intervistati, 5 vivono in Italia, 21 vivono negli Stati Uniti.

Fino al 31 marzo 2018, è aperto il bando per le borse di studio BEST (Business Exchange and Student Training) per la frequenza di corsi intensivi in Imprenditoria e Management con internship presso aziende negli Stati Uniti. Queste borse non fanno parte delle Borse di studio Fulbright ma sono gestite comunque dalla Commissione Fulbright. Possono partecipare cittadini italiani in possesso dei seguenti requisiti: Cittadinanza italiana; età massima di 35 anni; Titolo di Laurea triennale o Laurea Magistrale o Laurea Specialistica o Laurea Vecchio Ordinamento o Dottorato di Ricerca oppure frequentanti un Dottorato di Ricerca; buona conoscenza della lingua inglese. Nel formulare la graduatoria finale dei candidati da designare per l’assegnazione delle borse di studio BEST, il Comitato di Selezione darà priorità ai candidati in possesso di titoli nelle seguenti discipline: Biotecnologie, Nanotecnologie, Scienze biomediche, Tecnologia delle comunicazioni, Ingegneria aerospaziale e dei nuovi materiali, Design industriale, Tecnologie per la protezione ambientale e la produzione energetica, Art and Fashion, Entertainment. I borsisti frequenteranno un programma intensivo di sei mesi in Imprenditorialità e Management presso la Start-up School dell’organizzazione Mind the Bridge a San Francisco (California). Le borse che verranno assegnate saranno almeno tre e saranno assegnate a titolo personale. Per tutte le informazioni sul Programma Best e sulle Borse Best: qui.

Non mancano, naturalmente, i liberi professionisti che lavorano tra Italia e Stati Uniti.

Ad esempio, Luca Martera, autore di audiovisivi e documentarista, specializzato in storia dei media italiani e statunitensi. Martera (attualmente residente a Roma) è specialista anche in conferenze-show, e il 18 aprile 2018 a Napoli, nelle sale del Palazzo delle Arti (PAN) terrà una conferenza-show dal titolo AmericaNapoli – 100 anni di film vesuviani tra Hollywood e Cinecittà. L’evento è promosso dall’Associazione Culturale Musae di Carolina Giancotti e Francesco Carignani di Novoli. Al termine della conferenza-show, la giornalista Silvana De Dominics stimolerà il pubblico a confrontarsi con Martera. L’ingresso all’evento è gratuito, ed è necessario prenotare inviando un messaggio alla pagina Facebook dell’Associazione Culturale Musae.

Attualmente, Luca Martera sta lavorando anche alla creazione di un Media Club dedicato alla diffusione di prodotti audiovisivi italiani (soprattutto film, documentari, show televisivi, spot pubblicitari, video musicali, commedie) negli Stati Uniti.

Un altro libero professionista che si occupa di audiovisivi e show dal vivo è Luca Vullo, che vive a Londra e viaggia spesso negli Stati Uniti, dove mette in scena i suoi workshops di gestualità italiana presso università e associazioni.

In viaggio in Cina, ora. In data 28 marzo 2018, a Chongqing, verrà firmato l’accordo per l’inaugurazione degli investimenti bilaterali fra l’Italia (rappresentata dalla Camera di Commercio Italiana in Cina) e la Nuova Area di Liangjiang (Chongqing). L’accordo avverrà con il patrocinio del Consolato Generale d’Italia a Chongqing. All’evento è prevista la partecipazione dei gruppi di lavoro Energy and Environmental Protection Working Group e Aviation and Aerospace Working Group della Camera di Commercio Italiana in Cina. Fino al 21 marzo 2018, è possibile registrarsi a questo evento.

Abbiamo iniziato questo post con i viaggi in mare di Giovanni Soldini, e abbiamo proseguito con i viaggi tra Italia, Stati Uniti, Cina.

Adesso, è il momento di analizzare il viaggio dei giovani che in questi anni stanno lasciando l’Italia.

Da oggi, è disponibile il libro Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza di Assunta Sarlo, Cairo editore. L’autrice, giornalista, ha due figli espatriati all’estero. A partire dal proprio vissuto, Assunta Sarlo indaga la nuova emigrazione italiana attraverso le testimonianze di altri genitori: sismografi attenti di una sfida che loro sostengono dall’Italia. Il racconto dei genitori mescola disillusioni e speranze pubbliche e private, intrecciandosi alle ricerche di Alessandro Rosina, docente di Demografia e Statistica Sociale all’Università Cattolica di Milano. Il libro sarà presentato a Milano, mercoledì 7 marzo 2018, ore 18.30, alla libreria La Feltrinelli, Via Ugo Foscolo 1. Interverranno con l’autrice: Sandra Bonzi e Alessandro Rosina. Modera: Isabella Mazzitelli.