Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Fumetti tra iPad e mobile publishing

Comics on ipad

Torno su un paio di iniziative della casa editrice Tunué. Editori dell'immaginario, dopo averne scritto quiqui (si tratta dell'editore, con sede a Latina e taglia small, che si occupa di pubblicazioni dedicate al fumetto e ai fenomeni pop contemporanei).

Domani a Milano, Emanuele Di Giorgi, co-fondatore ed amministratore delegato della Tunué, terrà una lezione sulle strategie per il mobile publishing nell'editoria, presso la sede dell'AIE – Associazione Italiana Editori.

A maggio 2010, la Tunué è stata la prima casa editrice italiana a pubblicare il suo catalogo di graphic novel su iPad e come afferma Di Giorgi:"Al centro del corso ci sarà la strategia che un'azienda deve adottare per decidere se conviene entrare nel mercato del mobile publishing. Nel caso della Tunué ci sono stati risultati ottimi in termini di visibilità e interessanti in termini di vendite, perché il mercato è ancora piccolo ma con potenzialità enormi. Inoltre questa iniziativa ci ha permesso di sperimentare e comprendere prima di altri in che direzione si sta muovendo il mercato dell'e-book. Oggi si fa sempre più ricorso alla open innovation, ossia l'utilizzo di risorse esterne all'azienda per trovare nuove soluzioni ed idee. Alla base di questa tendenza, c'è una riflessione: per quanto un'impresa possa essere grande, non potrà mai avere tutte le migliori menti, quindi la conoscenza non è più diffusa solo in azienda, ma anche all'esterno".

L'altra notizia è la nascita del TunuéLab: la fucina creativa dove ci si può allenare al fumetto, attraverso il corso base che spazia dalla teoria del disegno agli esercizi per sciogliere la mano dei partecipanti. Il corso si tiene due volte a settimana da ottobre 2010 a maggio 2011 a Latina, con lezione introduttiva gratuita, ed è aperto a chiunque abbia passione per il disegno, l'illustrazione e il fumetto. Due le classi previste: una per adulti (senior) ed una per bambini (junior). Docenti: le disegnatrici Annalisa Leoni e Pamela Saralli.