Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Notti magiche fino all’ultimo rigore, nel secondo Europeo di calcio vinto dall’Italia

Da Fabio Cannavaro a Berlino nel 2006 con la Coppa del Mondo nelle mani a Giorgio Chiellini a Londra nel 2021 con la Coppa assegnata alla Nazionale vincitrice dell’Europeo di calcio.

Dopo 15 anni, la Nazionale italiana di calcio ha rivinto un torneo importante.

Nel 2006 – un’altra epoca, un’altra vita, un altro mondo – io festeggiai sia in Italia sia in Inghilterra. Questa volta, ho festeggiato soltanto in Italia.

Alle ore 23:53 italiane di ieri, 11 luglio 2021, l’Italia ha vinto per la seconda volta l’Europeo, battendo ai rigori l’Inghilterra, a Wembley.

Dall’Italia è arrivato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha assistito al match e ha esultato con sobrietà.

Prima della partita, circolava l’espressione football is coming home, con riferimento al fatto che sarebbe stata l’Inghilterra a vincere il torneo. Invece, i fatti hanno detto football is coming Rome.

E a Roma è tornata, dopo 53 anni, la coppa dell’Europeo.  

La squadra guidata dal Commissario Tecnico Roberto Mancini ha riacceso l’interesse degli italiani per la Nazionale. In totale, considerando Rai 1 e i canali di Sky Sport, il match ha raggiunto  20.588.000 spettatori, con uno share totale dell’83.5%.

La finale era iniziata con un colpo di scena: dopo neanche due minuti di gioco, l’Inghilterra era passata in vantaggio per una disattenzione della difesa italiana. Ma con pazienza, fiducia e un pizzico di buona sorte, l’Italia è riuscita a pareggiare, a metà del secondo tempo, al termine di una confusa azione in area di rigore inglese. 1 – 1 alla fine dei tempi regolamentari e anche alla fine di quelli supplementari. Ai calci di rigore, gli inglesi hanno messo a segno soltanto due rigori, mentre gli italiani ne hanno segnati tre.

A volte, nel calcio va così.

Anche in caso di sconfitta, l’aspetto più interessante del percorso fatto dall’Italia sarebbe stato la gestione del gruppo da parte di Mancini: l’Europeo è un torneo di qualità, e i valori espressi dal campionato italiano non sembravano suggerire una vittoria finale.

Eppure, eccoci a commentare questo successo, che regala un momento di gioia agli italiani in questa difficile fase storica.

Sono state notti magiche sotto il cielo di un’estate italiana.