Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Il ritorno di Italo Globali a Londra

L’insieme di caratteristiche che ci rende italiani esiste, eccome se esiste.

Gli italiani all’estero lo sanno. Così come sanno di provenire da un Paese dove molto spesso la realtà supera la fantasia: un fatto che, quando la vita li porta a diventare italo globali, permette di reagire meglio a certe situazioni di adattamento.

Poi è chiaro che ognuno abbia la propria storia e il proprio carattere.

Come forse già sapete, ho curato il libro collettivo Italo Globali. Viaggio nell’Italia che vive al ritmo del mondo (Lupetti editore). E l’anno scorso, in occasione della presentazione del volume al Consolato Italiano di Londra, dal pubblico mi è stato chiesto di tornare nella capitale inglese per presentare nuovamente il libro. Durante l’evento dell’anno scorso al Consolato, è emerso, tra l’altro, il tema della classe dirigente italiana come uno dei punti da affrontare per il presente e per il futuro dell’Italia.

E anche di questo parleremo nella seconda presentazione del libro a Londra, lunedì 13 luglio 2015, alla Fiumano Fine Art Gallery, 27 Connaught Street W2 2AY (Central London, zona tra Marble Arch, Edgware Road e Hyde Park), 5.30 pm – 8.30 pm, ingresso libero. Dopo il saluto di benvenuto di Francesca Fiumano, direttrice della Fiumano Fine Art Gallery, coordinerò il dibattito, al quale prenderanno parte Alessia Affinita (Fondatrice e Direttrice The Italian Community-The Free Business Directory for Italians abroad), Matteo Cerri (Ceo The Family Officer Group e Ceo i2i – Italian Ventures), Alessandro Mele (Ceo EthicalFin – Clean Capital Partners), Cristina Alaimo (Ricercatrice in Innovazione Digitale, London School of Economics and Political Science, Dipartimento di Management), Corrado Accardi (Co-Fondatore e Ceo Pizza Rossa), Rita Comi (Co-fondatrice e Managing Director Machas Creative Consultancy), Chiara Cecilia Santamaria (digital strategist, scrittrice, autrice del blog Machedavvero.it, esploratrice della vita). Naturalmente, l’evento sarà anche occasione per confrontarsi con tutti coloro che potranno essere presenti. Durante la presentazione, sarà possibile acquistare il libro. A Londra, inoltre, il libro può essere richiesto all’Italian Bookshop, 5 Warwick Street (zona Piccadilly Circus/Regent Street). Oppure può essere acquistato online seguendo i links in questo mio post.

Di seguito, c’è l’invito all’evento.

Invito presentazione libro Italo Globali – Londra, 13 luglio 2015

E chi lo avrebbe mai detto? La libraia che da 20 anni gestisce la libreria italiana di Londra – Ornella Tarantola – è diventata la protagonista di un libro. E’ successo davvero: è lei, infatti, la protagonista del romanzo Dimmi che credi al destino di Luca Bianchini (scrittore e conduttore radiofonico), Mondadori editore 2015.

Così come è reale l’ipotesi che la libreria italiana di Londra debba chiudere per via di ristrutturazioni immobiliari nell’edificio dove è collocata. Speriamo che a Londra possa comunque rimanere la libreria italiana.

Il panorama dell’emigrazione italiana nel Regno Unito, peraltro, è diventato molto variegato. Molti vogliono andare a vivere a Londra, che è diventata un cumulo di speranze per una varia umanità, ma bisogna tenere presente che questa metropoli sottopone i suoi abitanti a continui esami…

Online, c’è The IT Factor Magazine, diretto da Daniela De Rosa, che mostra l’Italian Factor presente nel Regno Unito. E qui c’è una intervista rilasciata a The IT Factor Magazine da John Hooper, corrispondente dall’Italia di The Guardian.

Per coloro che intendono avviare un business in Gran Bretagna ispirandosi al Made in Italy, può essere utile partecipare ai prossimi incontri degli eventi di Eat Drink Love Italian: per informazioni e contatti qui.

Nel frattempo, sono stato invitato a parlare di Italo Globali e degli Italo Globali su Rai Italia (la ex Rai International), nel programma televisivo Community – L’Altra Italia, nella puntata che andrà in onda giovedì 2 luglio 2015. I programmi di Rai Italia sono visibili nei continenti: America, Asia, Africa, Oceania, con orari variabili in base ai fusi orari. Chi vive in Europa, può vedere le puntate sul web qualche giorno dopo, a questo link.

See you in London?