Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Il ballo del mattone

Anche se non è il più frizzante degli argomenti, il mercato immobiliare rimarrà un’area rilevante per l’economia. Un tetto sopra la testa è un’esigenza umana fondamentale e il mattone continua ad essere importante per gli italiani.

Ma l’investimento immobiliare non ha più quell’aura di “infallibilità”, perché nel frattempo ci sono cambiamenti anche in questo campo.

Il mercato delle costruzioni, infatti, si è messo a “ballare”, ed è un “ballo” un po’ particolare. La crisi di questi anni ha certamente contribuito a modificare lo scenario tradizionale, così come è diventato più complesso saper valutare un immobile a prezzo di mercato. Qui, sul sito di Finanza World (società di informazione finanziaria indipendente, fondata e guidata dal 1999 dall’economista Francesco Carlà), c’è una buona sintesi su cosa tenere a mente in questo momento sul mercato immobiliare italiano.

Sul piano delle innovazioni applicabili a quest’area, ci sono iniziative anche in Italia.

Come ad esempio le startups Wikire.it (le cui attività sono riservate agli agenti immobiliari), Wikicasa.it (portale, in corso di attivazione, di annunci immobiliari inseriti soltanto da professionisti dell’intermediazione immobiliare), ItalianWay.house (affitti per brevi periodi di appartamenti di lusso a Milano, con fornitura dei servizi tipici degli alberghi), Halldis (che propone affitti anche di lungo periodo per abitazioni in Italia, in Europa e negli Usa).

E proprio negli Stati Uniti, il mercato immobiliare è tra gli indicatori da tenere d’occhio per monitorare l’andamento dell’economia Usa. In particolare, Miami sta vivendo un periodo molto interessante dal punto di vista delle compravendite nel real estate, come informa Tiziana Nenezic (una persona tra le più eclettiche che io abbia mai incontrato finora, in questa sua nuova vita lavorativa è agente immobiliare nel sud della Florida) nel suo sito dedicato al mercato immobiliare di Miami e dintorni.

Con modalità diverse nel mondo, il ballo del mattone in realtà non finisce mai.