Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

E-commerce di prodotti italiani in Cina e nel mondo: good news in arrivo

La Cina è un mondo davvero complesso, e da circa un decennio ha iniziato un cambiamento notevole della propria struttura economica interna.

Oltre al commercio realizzato in maniera tradizionale, oggi c’è anche quello fatto in maniera elettronica, e certamente l’imponente dimensione demografica della Cina la rende un mercato dove molte aziende desiderano fare affari. Ma il passaggio dalla teoria alla pratica non è sempre facile.

Una buona notizia per chi desidera fare e-commerce in questo paese arriva dalla start up italiana BrandOn: fondata nel 2012, con sedi a Milano e Napoli, guidata fin dalla nascita dalla 36enne Paola Marzario, è un distributore online che supporta PMI italiane del fashion, del food e del design nel mondo dell’e-commerce, selezionando brands noti o ad alto potenziale e gestendo per loro le campagne di vendita sui siti di e-commerce di tutto il mondo.

Ed ora Brandon opera anche in Cina, dove ha appena siglato un accordo commerciale con Vipshop: la quarta internet company cinese nel 2014, secondo Fortune 500 China. Si tratta del maggiore portale cinese specializzato in vendite flash di prodotti di moda e lifestyle, che nel 2014 ha venduto oltre 100 milioni di prodotti a più di 23 milioni di utenti.

Secondo il China’s National Bureau of Statistics, il mercato cinese del retail online conta circa 360 milioni di consumatori con un fatturato che nel 2014 ha raggiunto i 411 miliardi di euro. E, come dichiara Paola Marzario, Ceo di Brandon: “L’accordo arriva in un momento particolarmente favorevole in cui i dazi d’importazione in Cina di alcuni prodotti, tra cui abbigliamento e calzature, sono stati tagliati del 50 per cento. Si tratta di un vantaggio in più per il canale e-commerce, che oltre a costi ridotti di gestione permette di pagare in media soltanto il 10 per cento di tasse. E poi ci sono le opportunità offerte dal mercato cinese, che è molto grande ed è molto affascinato dal made in Italy“.

Il settore dell’e-commerce, d’altra parte, è sempre in evoluzione e oggi debutta in Borsa, a Milano, Ynap: l’azienda di e-commerce, nei settori della moda e del lusso, nata dalla fusione tra Yoox e Net-A-Porter. Chi si interessa di moda, sa che Yoox è uno dei players italiani storici nell’e-commerce del fashion, guidato fin dalla nascita nel 2000 da Federico Marchetti, che ora va a ricoprire il ruolo di Ceo di Ynap. Tre le sedi: quella centrale a Milano, e due sedi più rivolte allo sviluppo tecnologico, a Bologna e a Londra. La nuova società ha una capitalizzazione di mercato di circa 3,6 miliardi di euro e continuerà ad avere una presenza stabile in Italia. (News su Prima Comunicazione).

Per chi ha creazioni di qualità da vendere, lo scenario si è fatto interessante.