Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Scienziati a confronto sulle energie rinnovabili, a Palermo 7 e 8 settembre 2016

Nel rapporto fra fonti fossili e fonti rinnovabili, il mondo delle energie rinnovabili continua a crescere. Secondo dati di Terna, nel mese di giugno 2016 in Italia, per la prima volta, la produzione e il consumo di energia elettrica da fonti rinnovabili hanno superato quelle da fonti fossili: 11,3 miliardi di chilowattora da acqua, sole, vento e biomasse, e 11,1 da gas e carbone.

Il percorso di crescita delle fonti rinnovabili è conosciuto dagli scienziati (italiani e internazionali) che già da anni lavorano sull’energia del futuro, e comincia ad essere notato anche da importanti fondi d’investimento internazionali: ad esempio, il Rockfeller Brothers Fund (fondo a scopo filantropico, con sede a New York) ha recentemente deciso di rivolgere ancora più attenzione alle energie rinnovabili e al clean tech.

In Italia, dal 2011 c’è la SuNEC – Sun New Energy Conference: si tratta di un meeting di alto livello scientifico ideato da Mario Pagliaro, chimico al Cnr di Palermo. Nel corso degli anni la conferenza – che si svolge in Sicilia – si è allargata anche agli aspetti economici delle energie rinnovabili. Pagliaro, classe 1969, si è formato scientificamente in Israele, Canada, Francia, Germania, Olanda, ed è tra gli scienziati italiani più capaci di unire efficacemente i tre lati del triangolo delle rinnovabili: la parte chimico-scientifica, quella economico-manageriale e quella comunicativa-divulgativa.

L’edizione di quest’anno della Sun New Energy Conference si svolgerà a Palermo, mercoledì 7 e giovedì 8 settembre 2016 nella sede istituzionale della Regione Siciliana, via Generale Magliocco 46. Come di consueto, arriveranno chimici, fisici, ingegneri, scienziati e dirigenti d’azienda da tutta Italia, per confrontarsi sulle innovazioni più recenti nel mondo delle energie rinnovabili. Oltre al tempo dedicato alla conferenza scientifica, sono previsti anche una visita turistico-culturale di Palermo e una cena collettiva. Per informazioni sulla procedura di registrazione: qui. Per informazioni generali sulla logistica: qui.

La quota di partecipazione è di 400 euro per ogni delegato (70 euro per ogni persona che accompagna il delegato), 250 euro per studenti, laureandi e neolaureati in chimica, fisica, economia del mercato dell’energia e discipline affini (con lettera di presentazione di un relatore/supervisore). Non è prevista la partecipazione delle persone accompagnatrici ai lavori della conferenza scientifica. Sarà possibile presentare abstracts sui seguenti temi: pannelli fotovoltaici, veicoli ad alimentazione elettrica, energia solare, efficienza energetica, nuove tecnologie dell’energia, economia e management delle energie rinnovabili. Quest’anno, inoltre, la conferenza si svolgerà per la prima volta in lingua italiana e parteciperanno soltanto relatori italiani (a differenza degli anni scorsi, in cui erano presenti anche relatori esteri).

I coordinatori della SuNEC-Sun New Energy Conference 2016, Mario Pagliaro, chimico al Cnr di Palermo, e Francesco Meneguzzo, fisico al Cnr di Firenze, affermano: “Quest’anno, la conferenza avrà la forma di un workshop: due giorni intensi e ricchi di interventi di spessore, in lingua italiana. Legambiente Sicilia sarà social e media partner della conferenza e interverrà con il responsabile energie rinnovabili di Legambiente in Sicilia, mentre la prestigiosa rivista scientifica Energy Science & Engineering della casa editrice Wiley accetterà per l’eventuale pubblicazione i contributi dei relatori interessati. Altro media partner sarà la rivista Solare B2B. Fra gli importanti temi d’attualità che verranno trattati quest’anno: la transizione in pieno svolgimento dalle energie fossili a quelle rinnovabili, i limiti che ancora frenano il decollo dell’automobile elettrica in Europa; la fondamentale questione della formazione dei nuovi Energy Managers necessari ad accelerare la transizione verso le rinnovabili, l’economia circolare per il rilancio del sistema produttivo locale e nazionale”.